Già fatto

Mentre il ministero del Lavoro ci sta pensando, Crebs lo ha già fatto. Dal primo giorno. Di cosa si tratta? In base all’attuale legislazione, gli stagisti non hanno diritto a uno stipendio minimo, e così, nel tempo, spesso lo stage è diventato un impiego vero e proprio ma non retribuito. Ora, secondo un’anticipazione del Corriere della Sera, la bozza delle linee guida sui tirocini, definita di recente dal ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, prevede finalmente una soglia minima: 400 euro al mese. Crebs ha inserito sin dalla sua nascita questa regola (rifiutando le offerte di stage non retribuiti o retribuiti sotto una certa soglia) nel decalogo che disciplina e ispira la selezione degli annunci. Perciò è felice che ora il ministro cerchi di evitare l’uso sempre più distorto dello stage, che spesso sconfina nello sfruttamento e nel contratto sottopagato. Meglio tardi che mai.

6 commenti

  1. Peccato pero’ che spesso e volentieri le aziende inseriscano quella “retribuzione” solo per finta.

    • Cara MaryG, è possibile che accada. Se però ti dovesse capitare su Crebs, preghiamo te e gli altri nostri utenti e sostenitori di avvertirci, perché sarebbe un comportamento contrario alle regole stabilite da Crebs. Di conseguenza escluderemmo immediatamente quell’azienda dai nostri database.
      A presto.

  2. Grazie crebs! Sappiate che il vostro lavoro e sforzo è davvero apprezzato da tutti noi. Continuate cosi.
    p.s. settimana scorsa ho firmato il contratto con un’agenzia molto importante a milano grazie a voi!!!

  3. In realta, l’attuale sistema e gia il risultato di una pesante tassazione e ridistribuzione. Una tassazione, pero, che pesa su di noi, mentre la ridistribuzione va a vantaggio dei ricchi. Gran parte della ricchezza dei plutocrati e una forma di assistenza sociale pagata con le tasse dalla maggioranza che lavora.

  4. Pingback: Anonimo

Comments are closed.